Bilancio del progetto “A cinque anni dall’Enciclica Laudato si’ e dalla Conferenza di Parigi sul clima (COP21)”

Anche nel 2020 la nostra Associazione, in collaborazione con il Centro di Etica Ambientale di Bergamo, ha portato nelle scuole un programma di sensibilizzazione e formazione sulle tematiche caratteristiche dell'Etica Ambientale. Ciò è stato reso ancora una volta possibile dalla collaborazione dell'Ufficio Scolastico di Alessandria e dal contributo della Camera di Commercio di Alessandria-Asti.

Cadeva, lo scorso anno, il quinto anniversario di due eventi di straordinaria importanza, che nel 2015 avevano impresso una svolta decisiva alla presa di coscienza da parte dell'umanità dei pericoli incombenti sulla Terra: l'Enciclica Laudato si' e la COP21 di Parigi.

La proposta di ecologia integrale di Papa Francesco aveva segnato un punto di svolta nell’impegno dell’umanità per la salvezza della nostra “casa comune”, chiamandoci tutti ad una profonda “conversione ecologica”, a diffondere una cultura ecologica che fosse “uno sguardo diverso, un pensiero, una politica, un programma educativo, uno stile di vita e una spiritualità che dessero forma ad una resistenza di fronte all’avanzare del paradigma tecnocratico”, a costruire quelle “reti comunitarie” indispensabili per fare fronte alle sfide della “questione ambientale”.

Nello stesso anno, i 196 paesi partecipanti alla COP21 (la Conferenza di Parigi sui cambiamenti climatici) avevano concordato all'unanimità un patto globale, per ridurre la produzione di diossido di carbonio “il più presto possibile” e di fare del loro meglio per mantenere il riscaldamento globale “ben al di sotto di 2°C” in più rispetto ai livelli preindustriali.

A cinque anni di distanza molto resta da fare perché le attese e le speranze suscitate dal messaggio dell’Enciclica e dagli impegni assunti da larga parte dei governi ricevano una risposta alla loro altezza. È dunque già tempo di un primo bilancio.

L’iniziativa ha dunque inteso proporre ai giovani e ai loro docenti un’occasione di riflessione e discussione sulle prospettive attuali nell’impegno per la salvezza del Pianeta.

Purtroppo, l'emergenza Covid non ha consentito di completare secondo il programma originale l'iniziativa. In particolare, non è stato possibile realizzare, come momento conclusivo dei percorsi formativi attivati nelle Scuole Secondarie di Secondo Grado della Provincia di Alessandria, il momento di sintesi rappresentato da un convegno che avrebbe posto specialisti di chiara fama a confronto con la partecipazione e il protagonismo di tanti giovani.

Ci siamo quindi congedati da questa seconda edizione del nostro progetto con la promessa di riprenderne le fila non appena le condizioni epidemiologiche lo consentiranno. Anche perché il ripensare a tutto campo  il senso della presenza umana sulla Terra è reso ancor più attuale dall’insorgenza del tema, che è anche dramma, della pandemia COVID-19 che, come è ormai riconosciuto dai maggiori scienziati, è espressione del rapporto di sfruttamento – nelle sue molteplici forme, dagli allevamenti intensivi alla deforestazione – della natura e dei suoi delicati e complessi equilibri ecosistemici.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.